PROPOSTA DI LEGGE C. 4207

  • Petizione del Comitato Nazionale Genitori familiari Disabili Uditivi inviata alla Camera dei Deputati nel luglio 2012
  • Nuovo testo della pdl 4207 predisposto dal Comitato ristretto e adottato dalla XII Commissione Affari Istituzionali della Camera dei Deputati in data 05/07/2011
  • Prof. Giuseppe Gitti, LIS,mito o realtà?  – Una disamina spassionata e razionale sulle reali o presunte potenzialità della lingua dei segni, sulla differenza fra lingua dei segni e linguaggio mimico gestuale, sulle reali o presunte possibilità di un vero bilinguismo, sui punti critici della pdl 4207 (10/10/2011)
  • Sordi: semplicemente italiani! – Conferenza stampa tenuta a Roma nella Sala Stampa della Camera – 11/10/2011
    Interventi di:
    Prof. Paolo Pagnini, Presidente Società Italiana di Audiologia e Foniatria (SIAF), Direttore della Cattedra di Audiologia
    del Policlinico Universitario Careggi di Firenze
    Prof. Elio Marciano, Direttore Sezione Audiologia, Dipartimento Neuroscienze dell’Università “Federico II” di Napoli
    Prof. Giuseppe Gitti, Direttore Centro Rieducazione Ortofonica, Direttore della rivista “I Care”, specializzata in
    fisiopatologia della Comunicazione, Professore a contratto presso l’Università degli Studi di Firenze
    Prof. Alfio Desogus, Presidente RP (retinopatici) Sardegna
    D.ssa Valentina Paoli, Membro del Comitato Nazionale Genitori Familiari Disabili Uditivi
    D.ssa Laura Brogelli, Membro del Comitato Nazionale Genitori Familiari Disabili UditiviCoordina Laura Brogelli
  • Camera dei Deputati,Commissione VII (Cultura, scienza e istruzione): parere CONTRARIO  (15/02/2012)

  • Alcuni documenti dei fautori del riconoscimento della LIS

Ecco cosa dicono i fautori della LIS. A voi il giudizio.

Dichiarazione dei sordi di Brisbane 1999

ICED 2010 Statement of Principle and Accord for the Future
Il congresso mondiale in sintesi dichiara la fine della scelta del linguaggio orale per i sordi e
afferma il primato del linguaggio gestuale come lingua propria dei sordi, della loro comunità, della
loro cultura, una vera e propria affermazione identitaria in contrapposizione con il resto della
società, basata su un disabilità