Sordità, lingua dei segni e minoranze una forzatura che costerebbe cara

Un contributo importante affinché si capisca che sarebbe un errore considerare la disabilità uditiva uno “status differenziato” da proteggere e non un deficit sanitario da affrontare con un adeguato protocollo sanitario e logopedico.
La scelta è tra offrire tutela ai soggetti che presentano tale disabilità o assicurare la permanenza dello stesso fattore diversificante

Annunci